Alligator, uno degli indicatori di analisi tecnica più “strani” di sempre

marzo 25, 2017

Di indicatori che fanno parte dell’analisi tecnica ce ne sono una vastità, e tra i tanti è anche normale che qualcuno appaia un po’ più “strano” rispetto agli altri. E’ il caso di Alligator, un indicatore che possiamo definire strano perché a livello grafico, per la serie “il nome è tutta una garanzia”, restituisce proprio la forma della bocca di un coccodrillo!

Dal punto di vista tecnico, invece, la particolarità sta nel fatto che Alligator faccia uso di ben tre medie mobili veloci: nonostante gli indicatori di analisi tecnica siano numerosi, Alligator è uno dei pochi che si compone di tre medie mobili tutte e tre veloci (nello specifico a 5, 8 e 13 periodi).

Per fare uso di questo indicatore è necessario servirsi di un grafico a candele, in quanto Alligator lancia i suoi segnali proprio quando interagisce con alcune candlestick. Se decidete di farne uso, però, abbiate cura di considerare una particolarità e cioè il periodo temporale nel quale sfrutterete le potenzialità di Alligator.

Il motivo è semplice ed è legato al fatto che questo indicatore va utilizzato quando il mercato tende a muoversi verso una direzione piuttosto precisa, ossia quando il prezzo ha intrapreso una direzione chiara, indipendentemente dal fatto che questa guardi al rialzo o al ribasso.

alligator